Molti alimenti confezionati contengono delle sostanze cancerogene o tossiche, la cui concentrazione deve rientrare all’interno di determinati parametri. Quali sono i principali cibi che in Italia non rispettano i parametri previsti dalla legge?


La risposta a questa domanda risulta molto complessa in quanto in ogni categoria di alimenti vi possono essere dei rischi per la salute dei consumatori dovuti a una miriade di possibili sostanze tossiche. Più che a livello nazionale è utile ragionare a livello europeo, visto che siamo un mercato unico, e rifarsi ai dati presenti nel sistema RASFF e verificare per ogni categoria di alimenti quali sono i rischi che ricorrono maggiormente.

Ad esempio nell’ambito dei cereali il rischio maggiore è quello delle aflatossine e dei fitofarmaci, nel pesce quello dei metalli pesanti e della cattiva conservazione, nella frutta e verdura quello dei fitofarmaci, nelle carni quello delle tossine prodotte da contaminazioni batteriche.